Wednesday, June 12th, 2024

Gli Yes annunciano il nuovo album “Mirror To The Sky”

Published on Marzo 10, 2023 by   ·   No Comments

Gli Yes, Steve Howe, Geoff Downes, Jon Davison, Billy Sherwood e Jay Schellen, sono lieti di annunciare il nuovo album in studio dei leggendari YES! “Mirror To The Sky” sarà pubblicato il 19 maggio 2023 su InsideOutMusic/Sony Music. Di seguito il commento di Steve Howe, membro più longevo della formazione, maestro della chitarra e produttore dell’album:
“Questo è un album molto importante per la band, abbiamo mantenuto la continuità nell’approccio che abbiamo stabilito su ‘The Quest’ ma non ci siamo ripetuti. Questa era la cosa principale. Come fecero gli Yes negli anni settanta da un album all’altro, stiamo crescendo e andando avanti. Questo album è la dimostrazione della nostra continua crescita.”
Da oggi è disponibile anche il primo estratto da “Mirror To The Sky”.
L’artwork è stato realizzato ancora una volta da Roger Dean.

“Mirror To The Sky” sarà disponibile in diversi formati:
Ltd Deluxe Electric Blue 2LP+2CD+Blu-ray Artbook with poster
Ltd Deluxe 2CD+Blu-ray Artbook
Ltd 2CD Digipak
Standard CD Jewel case
Gatefold 2LP+LP-Booklet
Digital Album

Le edizioni blu-ray conterranno l’intero album in formato Dolby Atmos, 5.1 Surround Sound, strumentale e in mix ad alta definizione. Disponibile il preorder: https://Yes-Band.lnk.to/MirrorToTheSky

CD1:
Cut From The Stars 05:27
All Connected 09:02
Luminosity 09:04
Living Out Their Dream 04:45
Mirror to the Sky 13:53
Circles of Time 04:59

CD2:
Unknown Place 08:15
One Second Is Enough 04:04
Magic Potion 04:08

A registrazione quasi ultimata per il precedente album “The Quest”, gli Yes si sono trovati con bozze di canzoni, strutture e idee che richiedevano ulteriore sviluppo. Subito la band ha ricevuto il supporto incondizionato da Inside Out e dal label manager Thomas Waber, il quale li ha incoraggiati a continuare il proprio lavoro in studio, mesi prima che “The Quest” fosse disponibile per la vendita. È stato come gettare benzina sul loro fuoco creativo.

Il commento di Steve Howe:
“Quando abbiamo consegnato il materiale e stava per cominciare la produzione, noi eravamo ancora in quella fase creativa. La convinzione di Thomas ha significato molto per noi”

“Andiamo davvero d’accordo come persone”, commenta Jon Davison. “Mi sento come se fossimo tutti concentrati verso un punto centrale, all’interno di un cerchio più grande, concentrico al nucleo, di anelli che definiscono tutti gli standard degli Yes. È una cosa meravigliosa da testimoniare e di cui fare parte. Credo che questo si rifletta in modo vibrante nella musica e nell’input creativo che ognuno è disposto a dare, non per il beneficio dell’individuo, ma per quel più grande insieme che è Yes.”

“C’era un sacco di materiale in giro perché la band non aveva fatto nulla in studio per molto tempo. Le idee erano semplicemente copiose”, dice il bassista Billy Sherwood. “Il ritmo era veloce. Non appena abbiamo finito con ‘The Quest’ e il mix era pronto abbiamo preso un paio di piccole pause per riprendere fiato. Ma c’era ancora musica che scorreva nel loop. Le cose hanno iniziato a progredire abbastanza rapidamente. Abbiamo appena fatto un album in un altro senza annunciare realmente, ‘Hey, stiamo lavorando su un secondo disco in questo momento.’ È stato un concepimento naturale.”

Per la gioia di tutti, incluso quello del fan di lunga data Thomas Waber, gli Yes si sono spinti oltre ogni limite nel territorio che hanno praticamente inventato anche se in un modo completamente nuovo e moderno. “Ho sempre pensato che sarebbe stato bello avere cose un po’ più epiche,” dice, anche se ha resistito alla tentazione di spingere per qualcosa che sarebbe stato accolto come troppo artificioso. Ha dato molto spazio alla band lasciando che le cose si sviluppassero naturalmente. “Erano così eccitati da ‘The Quest’ e dallo slancio che hanno avuto che sono tornati subito in studio. Quello che stavano scrivendo, anche all’inizio, era ovviamente diretto in quella direzione epica, ciò che la musica degli Yes è davvero per me. È quasi un genere dentro se stesso. Suona Yes al 100%!”

“Mirror To The Sky” presenta non una ma ben quattro canzoni che superano gli otto minuti, con la title-track che arriva quasi a quattordici.

Jay Schellen, che è stato in tour con la band dal 2016, è stato scelto per sostituire il suo mentore e amico Alan White, venuto a mancare nel 2022.
“Ho seguito il tour del 2016 di ‘Topographic Drama’ per conto mio, per Alan”, dice Jay. “Dalla fine del 2017 in poi abbiamo avuto una partnership, un’ottima partnership, potrei aggiungere. Ho imparato così tanto e ho scoperto così tanto sullo stile di Alan e perché era così. Si adattava perfettamente alla sua personalità. In questo album si sente Alan dappertutto. È dentro di noi. Alan è ancora nel mio cuore, è qui con noi e con me, ancora in grande stile.”

Tags: , , , , , , ,

Readers Comments (0)

You must be logged in to post a comment.

Video Revival

Altre Notizie

Edizione deluxe per i 40 anni del disco d’esordio dei Bon Jovi

BON JOVI celebra oggi il 40° anniversario dell’album di debutto della band, con l'uscita digitale di BON JOVI ...

Marcella Bella: il 24 gennaio esce in digitale l’album di inediti “Etnea”

Mercoledì 24 gennaio esce in digitale “ETNEA”, il nuovo album di MARCELLA BELLA attualmente disponibile in formato ...

In DVD/Blu-ray i video di Anton Corbijn per i Dpeeche Mode

Venerdì 8 dicembre uscirà per la prima volta in DVD/Blu-ray "STRANGE/STRANGE TOO", la ricercata collezione di video musicali ...

Arriva l’album di Natale di Gerry Scotti!

Esce venerdì 8 dicembre “Gerry Christmas”, il magico album di Natale di Gerry Scotti, il risultato di un’equazione ...

Bob Sinclar realizza una nuova versione della hit Ti Sento dei Matia Bazar e Antonella Ruggiero

A distanza di dodici anni dalla hit A far l’amore, Monsieur Bob Sinclar, superstar da centinaia di dischi ...