Thursday, June 21st, 2018

Nuovo album per il cantautore calabrese Alessio Calivi

Published on aprile 12, 2015 by   ·   No Comments

Alessio-Calivi“Sirene Vetri Urla e Paperelle” è un vortice di “suoni” e “rumori” sublimati dall’estro di Alessio Calivi, poli-strumentista e “cantautore noise”.
Una miscela esplosiva e tesa di cantautorato criptico e suoni tanto stridenti, quanto ricercati.
Un disco ambientato nel deserto urbano delle nostre metropoli: da Milano a Berlino e ritorno senza tralasciare le radici sudiste dalle quali mutua cuore e rabbia.
Ritimiche complesse che si alternano a momenti più easy e diretti, melodie ipnotiche e taglienti a sottolineare lo “zig–zag” emotivo di Alessio.
“Sirene Vetri Urla e Paperelle” è una finestra aperta sul naviglio della Martesana milanese dove l’incontro di diverse culture, vite e anime diventa la chiave di lettura di una scrittura diretta e senza filtri.
Una storia fatta di viaggi reali e metafisici che parte con ‘Berlino’, vissuta come illusoria meta di salvezza dalla claustrofobia del proprio vivere e scoperta simile alle proprie stanza di vita quotidiana. Gli incontri e le relazioni clandestine sono graffiate e incise in ‘Jorge & Sheis’, una canzone quasi d’amore nella quale trova sfogo la vocalità armoniosa e calda di Calivi.
Furore, Rabbia e Amore nel senso più lato e complesso del termine sono le armi prepotenti delle 9 composizioni. ‘Palpitazione Isterica’ e, il singolo che ha anticipato l’uscita del disco, ‘Storia Stonata’, sono il manifesto delle difficoltà e dello sforzo di riuscire a costruire legami duraturi, veri ed autentici, ogni volta frustrati, prima di cadere nella ‘normale follia e falsità’.
‘Bucolico Post industriale’ è l’irridente visione del mondo milanese perchè “ci sono io tra la polvere, i binari e i rami della Martesana, ho visto il mio riflesso, l’ acqua verdastra lo rinnegava” e poi Sirene Vetri Urla e Paperelle.
‘Tutto bene?’ è il centro dell’album, potente e cattiva nonostante la premessa sia “non voglio sembrar banale e non voglio sembrare così duro”
‘La ballata per le tue mani’, nel quale svelare i sentimenti primordiali e puri e l’amore per la propria madre.
‘Parctum’ è un commiato teso, cinico, solitario, una fotografia a quella realtà nella quale “ti ho visto per terra, in centro, l’altra sera, avevi le unghie rotte, ginocchia graffiate e labbra gonfie…Eri bellissimo!”

Chitarre distorte, suoni duri e complessi sono le armi e l’armatura per affrontare il mondo fuori dall’uscio, per celare le debolezze e la fragilità dei sentimenti che pulsano tra i gangli nervosi della complessa architettura del nuovo viaggio discografico di Alessio Calivi… tra “Sirene Vetri Urla e Paperelle”

Tags: , , , , , ,

Readers Comments (0)

You must be logged in to post a comment.

Video Revival

FEATURED VIDEO

Altre Notizie

Ad aprile il nuovo album di Kylie Minogue

Kylie Minogue pubblicherà il nuovo album Golden il 06 aprile per BMG. Il singolo “Dancing” è ora ...

In occasione del 45° Anniversario dall’esordio discografico, arrivano due raccolte per Barry White

Dai primi successi degli anni Settanta fino alla prematura scomparsa nel 2003, Barry White ha definito il ...

Red Canzian entra direttamente in top10!

TESTIMONE DEL TEMPO”, il nuovo disco di inediti di RED CANZIAN, entra direttamente alla posizione numero 10 ...

Con una nuova formazione riparte la storia dei Matia Bazar

Matia Bazar, il nuovo inizio della band. Riparte l’avventura della storica formazione che ha fatto la storia della ...

Andrew Lloyd Webber – Il Greatest Hits definitivo!

Il 22 marzo di quest’anno il più grande compositore di musical compie 70 anni ed il 16 marzo ...