Saturday, April 17th, 2021

The Violet Flame Tour: tutta la dance degli Erasure in concerto (Dresda, Alter Schlachthof, 05/12/2014)

Published on Dicembre 12, 2014 by   ·   No Comments

SAM_0857(ns. inviato Andrea Dasso) – Hanno trasformato di nuovo la sala dell’Alter Schlachthof di Dresda in una discoteca! Gli Erasure sono tornati per la terza volta nel capoluogo Sassone (erano già stati nella stessa location 2005 e nel 2011) ma questa volta il loro concerto è stato per 1.40H un unico tour-de-force all’insegna della dance più sfrenata: infatti, per questo tour, anche i brani più lenti (come Blue Savannah o Ship Of Fools) sono stati riarrangiati in chiave spiccatamente dance.

La data di Dresda, unica tra quelle in Germania del The Violet Flame Tour, era già andata esaurita in prevendita e così gli Erasure hanno potuto esibirsi davanti ad un numeroso pubblico di fans che, anche se non tra i più entusiasti, non ha comunque fatto mancare alla band il proprio supporto, dando anche modo al cantante Andy Bell di conversare in tedesco.

La performance degli Erasure è stata aperta da un set di circa 40′ del duo elettronico Shelter (produttori del disco solista di Andy Bell iPop) che hanno eseguito brani dal loro album di esordio (da segnalare la trascinante Neva Luv U More) e, a chiusura della loro performance, Beautiful, pezzo proprio presente in iPop, anche se cantato dal vocalist degli Shelter, che a molti fan presenti hanno ricordato i Modern Talking per sound e presenza scenica.

Alle 21.00 salgono sul palco gli Erasure preceduti dalle note introduttive di una versione remixata di Oh L’Amour, prima Vince Clarke che si posiziona dietro il suo laptop, poi le coriste (le sorella Valerie ed Emma Chalmers, in top e pantaloni neri abbondantemente glitterati) ed infine l’eccentrico cantante Andy Bell con occhiali da sole, frac (che abbandonerà presto), leggings e cilindro tutti ovviamente ricoperti di glitter. Come già accaduto in passato. gli Erasure rinunciano totalmente alla scenografia per un tour: sul palco solo i microfoni e il computer di Vince nient’altro. Tutta la parte visual è incentrata sulle luci che svolgono un ruolo determinante durante tutto il concerto, raggiungendo il top in Sacred.

SAM_0920Diviso in due tronconi (sancito dal cambio abito di Andy) lo show presenta nella prima parte la maggior quantità di novità, gli Erasure vogliono sparare quasi subito le proprie cartucce migliori per scatenare il pubblico, così a Oh L’Amour segue una versione ampiamente rivisitata di di Star (singolo di Wild che non veniva suonato live dal 1996), Reason (il nuovo singolo), Breath Of Live (che a parte l’intro leggermente modificata è molto simile all’originale), You Surround Me (gradita new-entry che mancava live dal 2003 e qui riproposta in una versione remixata del 1989), Elevation (primo singolo del nuovo album e tra i nuovi pezzi quello con la migliore resa dal vivo), Stop! , Drama e Victim Of Love, queste ultime senza grossi stravolgimenti e tutte suonate in versione album (con Vince alla chitarra come sempre accade per Victim Of Love). La lunga intro della versione riarrangiata di Ship Of Fools, permette ad Andy di cambiare tshirt ei pantaloni e di salire sul palco con hot pants dorati e una nuova maglietta, seguono poi Sacred (brano del nuovo album, che prometteva meglio dal vivo di quanto poi in effetti renda), Always (hit cantata da tutto il pubblico in sala), Dead Of Night (ultimo brano proposto da The Violet Flame), e poi una serie di hit una via l’altra:  Blue Savannah (anche qui il rifacimento dance è notevole), Chorus,  Love To Hate You (anche qui con una nuova intro ed un diverso arrangiamento),  A Little Respect (nell’ormai consueta versione HMI) e Chains Of Love.  La band lascia il palco, per tornare dopo pochi minuti per l’immancabile bis: ed ecco la grande sorpresa della serata: Gaudete! Il primo singolo dell’album natalizio Snow Globe (nonché pezzo risalente addirittura al 1500) è cantato da Andy e dalle coriste interamente in latino, con un rework di Vince sulla base che rende il pezzo ancora più epico ed emozionale, con Andy e le sorella Chalmers al centro del palco ed illuminati solo da una luce bianca.

Si chiude, poi, dopo 1.40 ore di spettacolo a tutta dance con l’immancabile tormentone Sometimes!

A dispetto di una scenografia inesistente e di una certa rigidità nel riproporre per l’80% la stessa scaletta da anni, anche questa volta gli Erasure sono riusciti a realizzare un grande spettacolo, puntato sulle luci, su arrangiamenti rinnovati, sul carisma di Andy Bell e sulla genialità di Vince Clarke, riuscendo a mescolare hits a brani dell’ultimo (forse proposti in numero un pò troppo limitato) con pezzi meno conosciuti, per un’ora e quaranta di grande ed emozionante spettacolo!

Setlist:

01. Oh L’Amour
02. Star
03. Reason
04. Breath of life
05. You Surround Me
06. Elevation
07. Stop!
08. Drama
09. Victim Of Love
10. Ship of fools
11. Sacred
12. Always
13. Dead Of Night
14. Blue Savannah
15. Chorus
16. Love To Hate You
17. A Little Respect
18. Chains Of Love

19. Gaudete
20. Sometimes

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Readers Comments (0)

You must be logged in to post a comment.

Video Revival

Altre Notizie

Il 14 maggio uscirà il nuovo album di inediti di Dodi Battaglia

Il 14 maggio uscirà “INNO ALLA MUSICA”(Azzurra Music), il nuovo album di inediti di DODI BATTAGLIA, da oggi ...

Da venerdì 16 aprile sarà in rotazione radiofonica e disponibile in digitale “Vedrai Jerusalem”, il nuovo singolo di Shel Shapiro

Da venerdì 16 aprile sarà in rotazione radiofonica e disponibile in digitale “VEDRAI JERUSALEM”, il nuovo singolo del ...

Il duo Rivaz & Botteghi torna con la cover di Easy Lady, la hit di Spagna

Il duo Rivaz & Botteghi torna su d:vision con un nuovo apripista per la primavera, Easy Lady. Una brillante ...

Letter To You, il nuovo singolo di Bruce Springsteen

Da domani, venerdì 26 marzo, entrerà in rotazione radiofonica “I’ll See You In My Dreams”, il nuovo singolo ...

Marillon: in arrivo il nuovo live album “With Friends At St David’s”

Il 28 maggio 2021 i MARILLION pubblicheranno il nuovo live album "With Friends At St David's". Tutto ebbe inizio ...