Wednesday, January 19th, 2022

Paul Weller: due imperdibili date italiane a luglio

Published on Giugno 28, 2015 by   ·   No Comments

wellerPaul Weller, profeta della cultura mod, icona del pop più raffinato degli anni 80, e uno dei più autorevoli autori della sua generazione, sarà in Italia nel mese di luglio per due imperdibili concerti: l’8 al MIV Festival di Villa Varda-BRUGNERA(PN), e il 9 alla  Cavea Auditorium Parco della Musica di Roma.

  Nel World Tour 2015, partito il 5 marzo da Plymouth (UK) e che lo vede attualmente esibirsi negli Stati Uniti per una decina di date,  Weller avrà modo di presentare dal vivo il nuovo album, Saturns Pattern, uscito a maggio. La sua vena creativa raggiunge nuovi apici in questo suo nuovo lavoro, il dodicesimo della sua carriera ed il primo per l’etichetta Parlophone. Scritto e registrato ai Black Barn Studios nel Surrey, il nuovo albumè stato prodotto da Jan “Stan” Kyberte dallo stesso Paul.  E’ un album caleidoscopico che precorre i tempi e si allontana da ciò che è stato fatto finora. La passione, lo slancio, il groove struggente e un rock’n’roll emozionante come non mai sono gli ingredienti che fanno di “Saturns Pattern” l’ennesimo capolavoro del ‘Modfather’.

Dall’esordio glorioso con i Jam all’esperienza degli Style Council, passando per illustri collaborazioni (Paul McCartney, Oasis, Miles Kane, Blur…), l’artista inglese conferma ancora una volta la sua dedizione alla sperimentazione musicale e alla ricerca sonora. Paul continua a spingersi oltre i confini della propria creatività con un caleidoscopico tour-de-force che riesce a mettere in ombra molti artisti della sua generazione, adattandosi ed evolvendosi ai tempi per rimanere sempre un passo avanti agli altri.

Ai concerti italiani troveremo un Paul Weller in forma smagliante, accompagnato da una band compatta composta da musicisti superlativi, con un sound aggressivo, fresco ed essenziale: Steve Cradock (chitarra); Andy Lewis (basso); Steve Pilgrims (batteria); Andy Crofts (tastiere e chitarra); Ben Gordelier (percussioni).

Cosa farei semi fermassi?”chiede retoricamente con un’alzata di spalle, come se fosse la cosa più sciocca che abbia mai sentito.“E perché dovrei smettere di fare musica se è quello che ho sempre voluto fare?”

Tags: , , , , , , , , , ,

Readers Comments (0)

You must be logged in to post a comment.

Video Revival

Altre Notizie

Enrico Ruggeri: dal 7 gennaio il nuovo singolo La Rivoluzione e ad aprile via al tour

Fresco vincitore del Premio Tenco per la prolifica carriera artistica, a distanza di un anno dall’ultimo singolo “L'America ...

A marzo 2022 il nuovo album di Bryan Adams

Cresce l’attesa per “So Happy It Hurts” (BMG), il nuovo album di BRYAN ADAMS che uscirà l’11 marzo ...

Hunky Dory di David Bowie festeggia il suo 50esimo anniversario

Oggi celebriamo il 50esimo anniversario del quarto album in studio di David Bowie, HUNKY DORY, e per festeggiare ...

‘No Small Thing’, il nuovo singolo dei Tears For Fears

Oggi il leggendario duo Tears For Fears pubblica “No Small Thing”, il secondo singolo del loro attesissimo nuovo ...

Stradaperta: ristampa su vinile dello storico album Maida Vale

Nel giugno 1979 la prestigiosa etichetta discografica Philips pubblica “Maida Vale”, unico album dei romani Stradaperta. Maida Vale viene ...