Monday, April 24th, 2017

Variance II: il nuovo album di remix firmato Torsten/Andy Bell: la recensione di SPL80

Published on luglio 29, 2016 by   ·   No Comments

variance II(di Andrea Dasso) Dopo il lusinghiero successo del secondo capitolo della trilogia di Torsten (show di 2 settimane sold-out all’Above The Stag di Londra), lo staff dietro al progetto e la Cherry Red Recods (l’etichetta che segue Torsten dal punto di vista discografico dall’inizio) hanno deciso di bissare quanto fatto con il primo capitolo e realizzare un album di remix con i brani di Torsten The Beautiful Libertine, Variance II con questa tracklist:

  1. Senseless Symphony
  2. My Precious One (Hulda Remix)
  3. Queercore! with Lana Pillay (Matt Pop Club Remix)
  4. Photos Of Daniel (Analog Nord Remix)
  5. My Precious One (Vince Clarke Remix)
  6. The Slums We Loved (Barry Harris Remix)
  7. We Were Singing Along To Liza (Shelter Remix)
  8. Beautiful Libertine (Joe Gauthreaux Stadium Remix)
  9. My Precious One (Extended Semi-Acoustic Version)
  10. Queercore! with Lana Pillay (Matt Pop Radio Mix)

Il disco appare subito più armonico del primo Variance (in sospeso tra remix e reowrk acustici) concentrandosi sul lato dance di Torsten, tolte ovviamente le tracce 1 e 9.

CeUcgBxXIAEgUhCTraccia 1 appunto: il disco si apre con un medley di 10′ con brani scartati dalle session di Torsten I e II (tolta Freshly poi apparsa nel CD del primo capitolo della trilogia): il risultato lascia un pò interdetti, il medley non è ben amalgamato e le troppe distorsioni vocali rendono il medley fin troppo cupo. Meglio non soffermarsi troppo ed andare avanti. Per quanto riguarda la seconda parte, quella dedicata ai remix, si nota subito la scelta di affidarsi a remixer più noti rispetto al precedente Variance: nomi come Shelter, Barry Harris (uno del progetto Thunderpuss che a fine anni ’90 lavorò con gente come Donna Summer, Madonna, Pet Shop Boys, LeAnn Rimes…), Matt Pop (uno dei dj della scuderia Almighty), Joe Gauthreaux ma soprattutto Vince Clarke danno subito credibilità ad un progetto di remix dance.

Come detto dopo Senseless Simphony si parte con i remix e si parte con un duo delle isole Fær Øer, gli Hulda, che realizzano un interessante remix del primo singolo dell’album, My Precious One: a volte la parte vocale sembra un pò slegarsi dalla base, ma il risultato è comunque un gradevole remix in chiave synth-pop (ed il rischio di fare un pasticcio con un brano lento remixato è sempre dietro l’angolo) che si concentra quasi unicamente sull’orecchiabile ritornello del brano, eliminando il resto del cantato.

Le battute al minuto aumentano subito con la versione Club di Queercore! il duetto tra Andy e Lana Pillay: già era uno dei brani più veloci di Torsten The Beautiful Libertine figuratevi cosa ne può uscire se a metterci le mani è uno dei ragazzi del team Almighty… una trascinante cavalcata in stile euro-dance!

Altro artista proveniente dalle Fær Øer è Jan Rasmussen che, dietro lo pseudonimo Analog Nord, realizza un breve remix in chiave ambient di Photos Of Daniel, subito dopo è il turno del remix più atteso:  Vince Clarke propone un remix di The Precious One, non molto originale ed abbastanza fedele a quanto Vince ha fatto di recente per altri rework, godibile per carità ma un pizzico in più di inventiva non avrebbe guastato.

Torsten_6Sonorità tra fine anni ’90 ed inizio ’00 (e non poteva essere altrimenti) per il remix firmato Barry Harris del brano The Slums We Loved: un intro dai toni epici lascia spazio a pad elettronici e clap-hand, riuscendo a rendere dance un brano lento senza stravolgerlo. Altro brano dance è il remix di We Were Singing Along To Liza (già il brano più pop-dance di The Beautiful Libertine) proposto dagli Shelter (il duo che ha aperto la maggior parte delle date europee dell’ultimo tour degli Erasure): la scelta di un brano già dance-oriented ha aiutato la band a realizzare un remix nelle loro corde, trascinante e orecchiabile, il remix migliore dell’album!

Più deludente il successivo The Beautiful Libertine firmato Joe Gauthreaux: la melodia non è male ma il cantato è di fatto quello della versione originale e così rimane troppo staccato dal sound, andando, per così dire, per conto proprio.

L’album si avvia alla conclusione con una versione semi-acustica di My Precious One, arricchita dal clarinetto di Tina Lutman e a chiudere l’album (ma forse sarebbe stato meglio invertire l’ordine delle ultime 2 canzoni) la versioAndy-Bell-Tapene radio di Queercore! del remix realizzato da Matt Pop (di cui abbiamo già parlato -e bene- qualche riga sopra).

In conclusione: Variance II appare un side-project meglio congegnato del primo Variance, complice la scelta di remixer più esperti e, soprattutto, l’idea di puntare quasi esclusivamente su remix lasciando da parte le versioni acustiche. Forse qualcosa di meglio si poteva fare nella scelta della scaletta, ma nel complesso l’album è un buon complemento a The Beautiful Libertine e, se non fosse stato per la pesante intro ed un paio di remix, avrebbe avuto almeno un punto in più nel nostro giudizio:

Giudizio: 7/10

Da scaricare:  My Precious One (Hulda Remix), We Were Singing Along To Liza (Shelter Remix), Queercore! (Matt Pop Radio Mix)

Tags: , , , , , , , , ,

Readers Comments (0)

You must be logged in to post a comment.

Description

Altre Notizie

Falco 60 Cover

Una raccolta, un musical e un francobollo per i 60 anni di Falco

La superstar austriaca Falco avrebbe festeggiato il suo 60esimo compleanno a Febbraio 2017. Sony Music Entertainment Austria lo ...
prince

Prince: finalmente il catalogo torna in streaming

Warner Bros. Records (WBR) conferma ufficialmente che, da oggi, il catalogo di Prince torna disponibile sulle maggiori piattaforme ...
Decibel_ph Riccardo Ambrosio_b

Decibel: nuovo album per i 40 anni della band

 A 40 anni dalla nascita dei Decibel, fondati tra i banchi di scuola del Liceo Berchet di Milano, ...
tennant

Neil Tennant ospite del nuovo singolo dei Pretenders

E' stato presentato in questi giorni il nuovo singolo dei Pretenders, Let’s Get Lost”. La voce femminile è ...
Giorgio-Moroder-dj-set-Electronic-Beats-Festival-Vienna-960x630

Nuovo singolo per il guru della disco Giorgio Moroder

La leggenda della Disco GIORGIO MORODER, atteso al Festival di Sanremo in qualità di Presidente della Giuria di ...