Thursday, October 19th, 2017

Brian Eno: tutto sul nuovo album The Ship

Published on maggio 15, 2016 by   ·   No Comments

WARP272_Packshot_3000The Ship, il nuovo album di Brian Eno, è uscito il 29 Aprile 2016 su Warp Records.  The Ship è il primo album di Eno da LUX del 2012 e nominato ai Grammy. Originariamente concepito da esperimenti con tecniche di registrazione tridimensionali e formato da due parti interconnesse, The Ship è un album tradizionale quanto un romanzo musicale. Eno riunisce canzoni bellissime, atmosfere minimaliste, racconti onniscienti e innovazioni tecniche in un un’unica suite cinematografica. Il risultato è il meglio di Eno, un album senza precedenti nel suo catalogo.

“A livello musicale ho volute fare un disco di canzoni che non dipendesse dalle normali basi della struttura ritmica e dalle progressioni di accordi, ma che permettesse alle voci di esistere nel proprio spazio e tempo, come gli eventi in un paesaggio. Ho voluto inserire eventi sonori in uno spazio libero e aperto.

Uno dei punti di partenza è stata la mia passione per la Prima Guerra Mondiale, quella straordinaria follia trans-culturale che è nata da uno scontro di hybris tra imperi. È successa poco dopo l’affondamento del Titanic, che per me è il suo analogo. Il Titanic era la nave inaffondabile, l’apice del potere tecnico umano, creato per essere il più grande trionfo dell’uomo sulla natura. La Prima Guerra Mondiale è stata la Guerra della tecnologia militare, nata per essere il trionfo della volontà e dell’acciaio sull’umanità. Il fallimento catastrofico dei due ha posto le basi per un secolo di esperimenti drammatici sulle relazioni tra gli esseri umani e i mondi che essi creano per se stessi.

 Stavo pensando a quei vasti campi di terra agonizzante in Belgio durante la Prima Guerra Mondiale e l’immenso e profondo oceano dove il Titanic affondò, e a quanta poca differenza fece tutta quella speranza e delusione umana. Esse persistono e noi passiamo in una nuvola di chiacchiere.”

L’album si apre con il brano di 21 minuti intitolato “The Ship” nel quale i canti del mare di Eno crescono fino a raggiungere un’inquietante dramma con frammenti di voce lontana e elettronica strisciante. Da ascoltare in una stanza buia per sentire fisicamente il potere di questo mare infinito. “Onda. Dopo. Onda.”

Segue “Fickle Sun” in tre movimenti. Il primo continua da dove ha lasciato “The Ship”, ma con la voce di Eno che suona più chiara, determinata, anche disperata: “e così il triste lavoro è concluso” / “gli occhi vuoti, la fine è iniziata” / “non c’è più nessuno ai remi, lasciato lontano da ogni sponda” e il ritornello “quando ero un giovane soldato..”.

“La poesia letta da Peter Serafinowicz è stata creata da un Markov Chain Generator (software scritto da Peter Chilvers) nel quale abbiamo inserito relazioni sul naufragio del Titanic, alcune canzoni di soldati della Prima Guerra Mondiale, diversi pezzi di cyber-burocrazia e gli avvisi di hacking, alcune mie canzoni, delle descrizioni di macchinari e così via.  Il Generatore ha prodotto migliaia di righe di testo da cui ne ho estratte alcune per poi metterle in questo ordine.”

Il finale dell’album è una cover di “I’m Set Free” dei Velvet Underground di Lou Reed, una band che è stata notoriamente accreditata da Eno come una delle maggiori ispirazioni delle sue prime esplorazioni musicali quando era studente d’arte.

“Scritto alla fine degli anni Sessanta, la canzone di Lou Reed “I’M SET FREE” sembra ancora più rilevante adesso di quanto non lo fosse stata allora. Forse qualcuno che ha letto SAPIENS di Yuval Noah Harari riconoscerà l’ironia del passo ‘Mi sono liberato per trovare una nuova illusione”… e l’allusione al fatto che quando usciamo dalla nostra storia non entriamo nella “verità” – qualunque essa sia – ma in un’altra storia.”

In concomitanza co nil rilascio di The Ship,verranno portate in giro per il mondo una serie di installazioni di Eno in cui si potrà ascoltare una versione alternativa di The Ship in 3 dimensioni.

 

L’impatto di The Ship proseguirà sicuramente anche dopo la conclusione delle installazioni, perché segna un nuovo ciclo nel percorso creative di Eno – “Questo album è un susseguirsi di storie interlacciate. Alcune di loro le conosco, altre le scopro mentre le realizzo”

Tags: , ,

Readers Comments (0)

You must be logged in to post a comment.

Description

Altre Notizie

Marillion_F E A R_press pictures__copyright earMUSIC_photo credit Freddy Billqvis_low res2

Nuovo EP per i Marillion

Dopo l'ottimo successo ottenuto con “F*** Everyone And Run (F E A R)”, entrato in classifica italiana al ...
queen_2818625b

Queen: cofanetto speciale per i 40 anni di “News Of The World”

Il 40° anniversario di News of the World si festeggia con un’edizione speciale dell’album stampata in tiratura limitata. Uscito ...
spandaupamar2509w

Spandau Ballet: esce il 22 settembre l’edizione estesa di Through The Barricades

Trent'anni dopo la prima pubblicazione dell’album da milioni di copie vendute ‘Through The Barricades’, viene pubblicata una nuova ...
the-smiths

Ad ottobre nuova versione dell’album cult degli Smiths, The Queen Is Dead

Ampiamente considerate il miglior album degli Smiths e uno dei più grandi album mai pubblicato, ‘The Queen Is ...
Giuni_Russo

Giuni Russo: esce domani il nuovo album di inediti Armstrong

Sarà disponibile da venerdì 8 settembre, in versione doppio cd, vinile da collezione e digital download, “Armstrong” il nuovo album ...